Si ferma a tre la striscia di vittorie consecutive del Bari: i biancorossi si fermano ad Avellino con il pareggio per 2-2 in casa dei lupi irpini. Partita pirotecnica in Campania: biancoverdi subito in vantaggio con Charpentiere, poi a inizio ripresa la reazione dei biancorossi con la doppietta di Simeri. A fissare il risultato la rete dell’avellinese Illanes. Bari promosso con riserva in questa partita delicata, contro un Avellino gagliardo e sicuramente rivitalizzato dalla cura Capuano, dove era chiamato a fare a meno di Antenucci, D’Ursi, Scavone e Hamlili. Il Bari sale a 18, a -4 dalle nuove capoliste Ternana e Potenza (in attesa dello scontro diretto fra Catanzaro e Potenza). Mercoledì al San Nicola un’altra partita probante contro il Catanzaro.

Non è soddisfatto a fine gara il tecnico Vivarini: «L’avevamo ribaltata con due bei goal, ma dobbiamo ragionare su questa partita – prosegue Vivarini nella zona mista del Partenio. Il primo goal è stato un errore concettuale, perché stiamo lavorando in maniera diversa e lo sappiamo. In quella circostanza è mancata la lettura da parte di tutta la difesa, Di Cesare si è trovato da solo. Quello ci è costato caro. Il secondo goal è stato un po’ trovato, ma è stato ingenuo fare tutti quei falli al limite dell’area».

Riccardo Resta

BariViva.it