Buona la prima per il nuovo Bari di Cornacchini che si impone per 3 a 2 su una volitiva e cinica Paganese. Protagonista del match, il bomber Mirco Antenucci: «Sono contento per la vittoria – confessa il numero 7 ai microfoni della Ssc Bari – potevamo chiuderla prima grazie alle tante occasioni avute. Ci abbiamo provato, serve essere più cinici, ma abbiamo creato un’importante mole di gioco. Ovvio che sia contento per i gol, sono un attaccante, non potrebbe essere altrimenti. Sul secondo gol fortunato, ma in certe occasioni devi crederci. La pericolosità è fondamentale in questa fase, crea autostima; il gol è l’apice, ma creare è importante. Era la prima uscita stagionale, ci sta qualche disattenzione. Bari è l’unica piazza di C che avrei accettato, si vive di calcio ed emozioni; ho accettato questa scommessa, riportare il Bari dove merita. Sta a noi trascinare la gente, il pubblico farà lo stesso con noi». 

Soddisfatto anche il tecnico Giovanni Cornacchini: ” Antenucci, è stato preso per questo: oltre a qualità tecniche indiscutibili, l’umiltà che ha messo a disposizione del gruppo, dell’allenatore e della Società dimostra il tipo di leader che è, in campo e fuori. Stasera abbiamo concesso poco, ma serve più attenzione; è presto, ma questa sarà la ‘C’, serve stare sempre concentrati. Ritengo che siamo sulla strada giusta, i ragazzi stanno lavorando tanto, con voglia e convinzione.  Questa squadra ha tanta qualità, servirà calarsi ancor più nella categoria; di questo tipo di partite ne vedremo tante, con avversari arroccati. Sarà un campionato complicato e difficile, gli episodi saranno decisivi: vincere il più possibile ed evitare di perdere, a volte i pareggi hanno importanza, ti regalano continuità. Sono sereno, molto sereno”. 

Radio Biancorossa