Nella bolgia del San Nicola (presenti 48.877 spettatori: battuto il record biancorosso in regular season di BARI-NOVARA (48.744 del 30/5/2014), il Bari perde la sua seconda partita interna stagionale.

Gara equilibrata e non priva di emozioni. Gilardino prepara bene il match riuscendo a limitare le ripartenze biancorosse. La squadra rossoblù ha fatto valere il maggior tasso tecnico e si è mostrata anche più abile e cinica. I ragazzi di Mignani non escono ridimensionati, ma è evidente come la rosa vada completata e l’asticella alzata, se si vuol competere per la serie A.

SCELTE INIZIALI: Biancorossi in campo per l’ultima giornata del girone d’andata. Avversario di turno, il blasonato Genoa. Mignani recupera tasselli importanti come Cheddira, Maiello, Ricci e Terranova. Mentre non saranno della contesa D’Errico e Galano, fermi per affaticamento muscolare. Il tecnico biancorosso si affida ancora al modulo ad “albero di Natale” e conferma in blocco la linea difensiva vista nelle ultime gare. A centrocampo c’è nuovamente Maiello insieme a Benedetti e Maita. La novità è in attacco con Cheddira che si riprende la maglia da titolare, alle sue spalle la “strana coppia” Folorunsho – Botta. Solo panchina per Antenucci.

Nel Genoa… SEGUI IL LINK PER LA SECONDA PARTE DELL’ARTICOLO -> https://www.borderline24.com/2022/12/26 … 1-genoa-2/

Nicola Lucarelli
Borderline24.com