Pareggio e spettacolo allo Zaccheria nel derby fra Foggia e Bari: al fischio finale è 2-2, dopo una partita condizionata dalla pioggia battente e dal campo ai limiti della praticabilità. Satanelli in vantaggio con Merola, pareggio biancorosso di Cheddira e nuovo vantaggio del Foggia con Merola su errore di Frattali, tradito dal pallone scivoloso e dal campo pesantissimo. A decidere il pareggio finale è, però, il super goal del neo entrato Mallamo, che a pochi minuti dalla fine trova un destro al volo da antologia per fissare 2-2 definitivo. Un punto che, tutto sommato, sta stretto ai galletti, comunque bravi a giocarsela su un campo difficilissimo. Il Bari con questo punto sale a quota 59, a +4 dal Catanzaro che vince 3-1 sul Latina.

Mignani conferma il 4-3-1-2 e 10/11 della formazione che martedì ha battuto il Picerno. Unica eccezione è Cheddira al posto di Paponi, per completare l’attacco con capitan Antenucci e Galano in posizione di trequartista. A centrocampo c’è Maiello nel ruolo di play, con Maita e D’Errico sulle mezze ali. In difesa, Belli e Ricci agiscono da terzini, Terranova e Gigliotti al centro. Classico 4-3-3 per mister Zeman, che manda in campo il suo Foggia comandato in attacco da Merola, Ferrante e capitan Curcio.

Partita fin da subito condizionata dalla pioggia battente e dal campo ai limiti della praticabilità. A sbloccare la partita è un episodio: al 12′ cross di Garofalo da sinistra, Terranova si fa anticipare da Curcio che di testa batte Frattali. Il Bari prova a rispondere e al 21′ riesce a trovare il pareggio: gran destro di D’Errico da fuori, palla che rimbalza sulla traversa e rimane lì per Cheddira, che in scivolata appoggia nella porta vuota. La partita sembra tornata sui binari dell’equilibrio, ma passa appena 1′ che i satanelli trovano il nuovo vantaggio: tiro senza troppe pretese di Merola dal limite, il pallone rimbalza male davanti a Frattali che non lo trattiene e lo lascia passare. I galletti vanno vicinissimi al pareggio al 35′ con Cheddira, che difende un buon pallone in area, si gira sul destro ma centra in pieno il palo.

A inizio ripresa Mignani è costretto a lasciare negli spogliatoi Frattali per un problema fisico, entra Polverino. Il Bari parte subito forte, andando vicino al goal con Maiello (52′) bloccato da Dalmasso sul più bello. Al 57′ il portiere del Foggia esce non benissimo e la lascia lì per Galano, che però manda fuori il suo mancino a giro. Al 61′ Maita apre bene per Ricci, che però non trova la misura per il cross in favore di Cheddira. Al 67′ altra occasione per il Bari: scatto di Cheddira che brucia Sciacca e si trova a tu-per-tu con Dalmasso, ma il suo tentativo di pallonetto viene deviato in angolo dal portiere di casa. Al 74′ si rivede il Foggia: uscita a vuoto fuori area di Polverino, che viene scavalcato dal pallone, Ferrante prova ad approfittarne ma non riesce a centrare in pallonetto la porta vuota. Mignani gioca le carte Pucino e Mallamo per Belli e D’Errico, ma solo nel finale il Bari riesce a trovare il pareggio: ci prova Mallamo che trova una deviazione, palla che si impenna e trova ancora il destro al volo di Mallamo da posizione defilata, palla imparabile per Dalmasso. Nel finale il Bari va vicino al colpaccio con Citro (entrato con Simeri al posto di Galano e Cheddira), ma il suo colpo di testa finisce di poco fuori. Dopo 4′ di recupero, al fischio finale del signor Cascone le due squadre si dividono la posta dopo una partita complicata, resa imprevedibile anche dal campo inzuppato di pioggia.

Riccardo Resta