Nervi tesi e frenesia, ma alla fine è un pareggio che vale. Il Bari si fa fermare sul punteggio di 1-1 al San Nicola dalla Paganese, ma grazie alla sconfitta 3-1 del Monopoli a Francavilla si issa al primo posto in solitaria con 11 punti, tallonato a quota 10 proprio dai biancoverdi e dal Taranto (2-0 sul Latina). Decidono le reti di Botta al 2′ del primo tempo e di Firenze al 30′ della ripresa. Nel mezzo l’espulsione di Bianco e il rigore fallito da Antenucci sul finire del primo tempo.

Mignani sceglie il 4-3-1-2 con il ritorno di D’Errico fra i titolari, l’esordio dal 1′ di Di Gennaro in regia e Simeri al fianco di Antenucci in attacco. Grassadonia schiera la Paganese con il 3-5-2, guidato da Castaldo e Iannone in attacco.

Bari subito avanti al 2′ con Botta, che raccoglie una respinta sbagliata della difesa ospite e col destro batte Baiocco. Il Bari fa la partita nel primo tempo, ma non riesce a trovare il colpo del ko. Al 12′ Di Gennaro alza bandiera bianca dopo uno scontro di gioco e viene sostituito da Bianco, che nel recupero combina la frittata: presunta gomitata a Castaldo e rosso diretto per il centrocampista di casa. Passa appena 1′ e Murolo atterra malamente Di Cesare in area: per il signor Petrella è rigore, che Antenucci si fa parare da Baiocco con l’aiuto del palo.

Nella ripresa Mignani richiama Antenucci e Botta per Cheddira e Mallamo. Una mossa che dà la scossa al Bari, vicino al raddoppio al 6′ con il colpo di testa mandato alto da Cheddira. L’inferiorità numerica, però, alla lunga si fa sentire e la Paganese mette il naso fuori: al 17′ Tissone colpisce una traversa dai 17 metri, poi Frattali fa il miracolo sulla rovesciata di Castaldo. Ma è solo il preludio del pareggio, che arriva alla mezzora: il neo entrato Piovaccari parte in contropiede e apre a sinistra per Firenze, che col piatto trafigge Frattali.

Nel finale ancora storie tese in campo e un giallo nel recupero a D’Errico per simulazione in area. Al triplice fischio entrambe le squadre raccolgono gli applausi dei 5mila presenti sugli spalti, di cui 324 ospiti.

Riccardo Resta