Gigi Anaclerio

Lo chiamavano il “piccolo Rivaldo”. Era questo il soprannome di Luigi Gigi Anaclerio da Bari. L’ex attaccante biancorosso è intervenuto su Radio Biancorossa nel corso del programma ‘Tanto non capirai’.

Anaclerio è attualmente allenatore in seconda del Bitonto fresco di promozione in serie C: “Promozione arrivata in maniera un pò strana, ma la nostra squadra ha meritato questo successo. A Foggia non hanno gradito la nostra promozione? Siamo in testa da ottobre e non credo che i rossoneri avrebbero potuto vincere tutte le partite, ma noi siamo stati nettamente superiori nonostante il calo dell’ultimo periodo, ma è stata solo una crisi di risultati. Il nostro tecnico Taurino è molto preparato e moderno e fa giocare molto bene le sue squadre. Il nostro segreto? Senza dubbio l’organizzazione societaria che ci ha permesso di costruire una squadra all’altezza. Società che ora mira a disputare il prossimo campionato al “Città degli ulivi”, anche se le prime partite le disputeremo su altri campi: giocare a Bari sarebbe bellissimo. Patierno? E’ un grande attaccante e potrebbe giocare anche in serie B e nel Bari. Sono arrivato a Bitonto 5 anni fa, ero ancora calciatore e ho chiuso la mia carriera nell’Omnia Bitonto: ho disputato 2 anni da calciatore poi sono diventato vice allenatore, sono quasi un bitontino d’adozione. Il mio futuro? Per ora mi va bene il ruolo di secondo allenatore, in futuro vedremo se ci sarà qualcuno pronto a credere in me. “

Carriera difficile quella di Anaclerio, magari al di sotto delle aspettative: “Forse ho trovato pochi tecnici che hanno creduto realmente nelle mie potenzialità e anch’io ci ho messo poca cattiveria. Sono tante le situazioni che incidono nella carriera di un calciatore. Nel 2001 ero a Bari e stavo facendo bene ma ci fu il cambio di allenatore e Tardelli non mi volle così fui costretto a fare le valigie e a trasferirmi al Como, ma fu una scelta mia. A Bari ho fatto bene soprattutto il secondo anno e non potrò mai dimenticare il goal nel derby con Lecce, purtroppo quelli non furono anni felici per i colori biancorossi. Ma sono anche un tifoso del Bari e mi recai a Venezia per assistere allo spareggio: guardai la partita insieme ai tifosi biancorossi”

Come detto Anaclerio è anche un tifoso del Bari. Bari che tra meno di un mese proverà a conquistarsi la serie B: “Vedo bene la squadra di Vivarini: è una squadra forte che può vincere i playoff, devono cercare di partire subito col piede giusto. Non deve mancare la voglia di vincere e l’entusiasmo da parte di tutti. Troppi pareggi? Beh si, con qualche vittoria in più potevamo avvicinarci alla Reggina”

Nicola Lucarelli – Radio Biancorossa