Il Bari è fuori dalla coppa Italia: biancorossi che escono a testa altissima dal Paolo Mazza di Ferrara, dove perdono 4-2 con la Spal ai calci di rigore dopo lo 0-0 nei tempi regolamentari. Decisivi gli errori nella serie finale dagli undici metri di Candellone e Minelli, ipnotizzati dal gigantesco portiere spallino Thiam; per gli estensi un solo errore, da parte di Floccari. Bari che comunque può tornare a casa con in valigia tante indicazioni positive dalla partita di Ferrara, in cui Auteri ha dato spazio a molte seconde linee (bene De Risio, Candellone generoso ma poco concreto, Semenzato ancora poco brillante come Andreoni). Primo tempo equilibrato, con occasioni da entrambe le parti (De Risio e D’Ursi per i biancorossi, Sernicola, Murgia e Paloschi per i biancazzurri), ripresa di marca Spal, che però non riesce a superare un Bari attento in difesa e pronto a colpire in contropiede (occasione nel finale mancata da Celiento, fra i migliori). Nei supplementari la squadra emiliana di Marino legittima il successo finale con il palo colto da Esposito nel primo extra time. Per il Bari adesso è già tempo di pensare al campionato, vero obiettivo stagionale: domenica prima gara al San Nicola, contro il Teramo

Riccardo Resta