Con fatica e un po’ di paura, sicuramente non meritando, ma il Bari passa in casa della Cavese, con un 2-3 al cardiopalma. Partita pazza al Lamberti di Cava de’ Tirreni, dove un Bari poco brillante e pieno di “seconde linee” passa in vantaggio nella prima frazione (24′) con Daniele Celiento, il vero protagonista del match. Pareggio degli aquilotti all’ora di gioco grazie al rigore di De Paoli, procurato da Cuccurullo che costringe Perrotta al fallo in area. Succede di tutto nel finale, prima con il vantaggio del Bari firmato Antenucci su punizione battuta dal neo entrato Citro e deviata dalla barriera, poi con il pareggio di Forte per la Cavese su una dormita della difesa biancorossa in seguito a un provvidenziale intervento di Frattali sul tiro da lontano di Cuccurullo. Quando sembrava ormai scritto il pareggio, interviene ancora l’uomo della provvidenza in questo inizio di stagione del Bari: punizione mancina di Citro, il portiere dei blufoncé Bisogno interviene a vuoto e Celiento di testa deposita nella porta sguarnita. Alla fine il Bari porta a casa tre punti molto importanti nella prima di due trasferte ravvicinate, ma con tanta fatica e tanti dubbi da risolvere per mister Gaetano Auteri.

Riccardo Resta