Finisce con una sconfitta (assolutamente indolore) il campionato del Bari: al San Nicola il Palermo passa 0-2 con le reti di Floriano e Brunori (rigore). Una sconfitta, però, che non intacca la festa dei 25.872 del San Nicola, corsi per festeggiare il “B-day” dei biancorossi, pronti a ricevere la coppa dalle mani del presidente della Lega pro Franco Ghirelli.

Mignani schiera il 4-3-1-2, con Frattali in porta, Belli-Terranova-Di Cesare-Mazzotta in difesa, Scavone-Maiello-Mallamo in mezzo e Botta alle spalle della coppia Antenucci-Cheddira. Panchina per D’Errico e Galano. Mister Baldini risponde con il 4-2-3-1, trascinato in avanti da bomber Brunori e dall’ex Floriano.

I rosanero passano in vantaggio nelle prime battute di partita: al 25′ punizione battuta da destra, palla che sfila e arriva sul secondo palo dove c’è Floriano che stoppa e calcia forte col destro alle spalle di Frattali sotto l’incrocio. Il Bari risponde solo al 43′: cross teso di Mazzotta ben servito da Antenucci sulla sinistra, Scavone irrompe col piattone sinistro ma manda alto di pochissimo.

A inizio ripresa Mignani lascia negli spogliatoi Scavone e Cheddira per mandare in campo D’Errico e Citro, ma è ancora il Palermo a farsi pericoloso. Al 12′ punizione di Dall’Oglio, intervento con il braccio di Di Cesare in barriera e il signor Luciani indica assegna il rigore che Brunori trasforma nonostante il tocco di Frattali. Baldini sceglie di cambiare tre uomini (Soleri, Damiani e Silipo al posto di Brunori, Dall’Oglio e Valente), mentre nel Bari esce Botta, entra Galano. La girandola di cambi si completa con gli ingressi di Perrotta e Odjer nel Palermo (fuori Marconi e Floriano) e di Gigliotti e Bianco (per Maiello e Mallamo) nel Bari. Dopo ben 6′ di recupero, l’arbitro Luciani fischia la fine del campionato per il Bari, che ora giocherà la supercoppa di Lega pro contro Modena e Sudtirol.

Riccardo Resta